E SE PER L'ITALIA FOSSE MEGLIO USCIRE DALL'EURO ?


Euro/ritorno alla lira

Secondo le proiezioni della Bank of America & Merril Lynch, l'Italia e l'Irlanda avrebbero maggiori vantaggi se lasciassero la zona euro e adottassero una propria valuta. Al contrario, il paese che avrebbe più da perdere sarebbe la Grecia, e quello che potrebbe farlo nel modo più semplice, ma che non ne ha nessun interesse è la Germania.

L’Italia, il cui rating è stato appena degradato di due punti da Moody's, non troverebbe la sua salvezza fuori della zona euro?

Il paese è, secondo l'agenzia di rating statunitense, esposto "al rischio di contagio" da Grecia e Spagna, e al rischio "di non essere in grado di ottenere finanziamenti dai mercati dei capitali" a causa di una crescita "debole" e di una "disoccupazione troppo alta", che impediscono di soddisfare i propri obiettivi di riduzione del disavanzo.

Eppure Venerdì, l'Italia non ha avuto nessuna difficoltà a raccogliere 5,25 miliardi di euro sui mercati obbligazionari.

Mentre molti esperti si aspettano un "Grexit", "Gli investitori sottovalutano la volontà di uno o più paesi di uscire dalla zona euro", hanno sentenziato David Woo e Athanasios Vamvakidis. Questi due strateghi del mercato dei cambi, esperti di Bank of America & Merril Lynch hanno concluso che l'Italia sarebbe il più grande beneficiario di una simile operazione tra gli 11 paesi che hanno adottato la moneta unica.

Facendo una analisi costi-benefici, hanno stilato una classifica basata su quattro domande su una eventuale uscita dalla zona euro:

- Quali sono le possibilità di uscire in modo ordinato?
- Quali saranno gli effetti di un'uscita sulla crescita economica?
- Quali sono gli effetti sui tassi di prestito?
- Qual è l'impatto sul bilancio economico del paese?
Avanzo primario per l'Italia

Nel primo caso, dove si prende in considerazione lo stato del bilancio pubblico e il conto corrente come una misura del rischio di uscita, senza una grave crisi nel settore, l'Italia occupa il terzo posto. L'Italia è davvero l'unico paese a realizzare un vero avanzo primario, con la Germania che è al primo posto, mentre la Francia è nona, come l'Irlanda.

Per la seconda domanda, che si basa sull'evoluzione delle esportazioni in caso di un effetto cambio più favorevole, l'Irlanda potrebbe trarre i maggiori benefici con un incremento del 7% della sua produzione, l'Italia segue con il 3%. Dall’altro canto la Germania sarebbe penalizzata con una riduzione dell'11% della sua produzione e la Francia arriva al quinto posto ma guadagna l'1%.

Sul terzo punto, sul tasso sul debito, è la Grecia, che trarrebbe maggior vantaggio da un'uscita, con una diminuzione del tasso di 2.200 punti base (bps), logicamente seguita da Portogallo e Irlanda, i tre paesi che hanno più accesso ai mercati dei capitali. L'Italia è al quinto posto (- 20 bp) seguita dalla Spagna (-80 bps). La Germania è il paese che ha più da perdere, con un aumento dei tassi di interesse di 80 bps, mentre la Francia occupa il settimo posto, senza alcun effetto.

Infine, per quanto riguarda il bilancio contabile del paese, stabilito tenendo conto della esposizione netta internazionale degli investimenti e applicando un deprezzamento della valuta, l'Irlanda si classificherebbe al primo posto, la Germania ultima (undicesima), l'Italia quarta e la Francia quinta.

Combinando questi quattro criteri, Italia e Irlanda risulterebbero al primo posto, all'ultimo la Germania e la Francia ottava.

In altre parole, la Germania potrebbe facilmente uscire dalla zona euro ma non ne ha nessun interesse ma anche l'Italia potrebbe lasciare facilmente la zona euro e con un grande vantaggio.

Il prezzo da pagare per far restare l'Italia

"La Germania potrebbe ‘corrompere’ l'Italia per farla restare?" Si interrogano su questo punto i due esperti di Bank of America e Merrill Lynch.

Dopo la dimostrazione esposta con la teoria dei giochi che prendono in considerazione i diversi scenari che penalizzano la Germania in caso di uscita o no dell’Italia dalla zona euro, ritengono che Berlino non potrà imporre alla penisola tutto quello che ha imposto alla Grecia, sotto forma di austerità in cambio di aiuti finanziari. I due analisti ritengono che per Berlino il costo per far restare l'Italia nell'area euro sarebbe superiore a quello della sua uscita. Questo sarebbe un motivo in più per la Germania per non trattenere Roma e per minare la coesione dell'area della moneta unica.

Infine, se un tale scenario si rivelasse esatto "Potrebbe avere serie ripercussioni negative per i mercati finanziari nei prossimi mesi", hanno concluso David Woo e Athanasios Vamvakidis, che in questo modo danno anche loro un contributo all’ondata di pessimismo che prevede "una estate assassina" per i mercati.

Jules Robert
Fonte: www.latribune.fr/
Link: http://www.latribune.fr/actualites/economie/union-europeenne/20120713trib000708979/et-si-l-italie-avait-interet-a-sortir-de-la-zone-euro.html
16.07.2012



Fonte: http://comedonchisciotte.net