Ritorno alla lira, Grillo propone il referendum


Beppe Grillo

PARMA - Dopo mesi di assenza Beppe Grillo è tornato in piazza. Per lanciare, di fatto, una nuova campagna elettorale: quella che dovrà far sbarcare i grillini in parlamento per quella che il comico genovese ha definito una «rivoluzione di civiltà».Per farlo ha scelto Parma, città simbolo, governata del Movimento 5 Stelle, per una manifestazione contro l'inceneritore che dovrebbe partire a mesi e su cui il sindaco grillino, Federico Pizzarotti, ha fondato il proprio successo elettorale.Grillo guarda con fiducia alla prossima primavera e allo sbarco dei suoi a Roma. «La legge elettorale non m'interessa - precisa - li spazzeremo via comunque. Se falliamo noi - ha detto - arriveranno movimenti come Alba dorata in Grecia (neofascista). Noi riempiamo uno spazio che altrimenti occuperebbero gli estremisti».L'agenda è pronta: le battaglie con le quali i grillini daranno l'assalto a Montecitorio riguarderanno i costi della politica, l'ambiente, il referendum per decidere se restare nell'euro. «Io non ho mai detto che voglio uscire dall'euro. Ho detto che voglio un referendum senza quorum per far decidere i cittadini sull'euro. Se decideranno di restare allora accetterò di restare anche io».Poi Grillo ha difeso l'operato del neo sindaco di Parma: «Questo è un miracolo. Non mio ma della rete che è andata avanti in tre anni senza soldi: abbiamo rotto un meccanismo perché dentro i Comuni, nei consigli regionali sono arrivati gli onesti». Secondo il leader del Movimento 5 Stelle i sostenitori «non vogliono cambiare la classe politica ma fare una rivoluzione di civiltà, di cultura e di pensiero». I sondaggi accreditano il movimento di percentuali a due cifre, eppure qualcosa, rispetto a quelle trionfali piazze di maggio, sembra essersi rotto. Colpa, forse, del disincanto delle prime esperienze di governo ma anche delle polemiche interne al Movimento dovute all'ormai famigerato fuorionda del consigliere regionale emiliano-romagnolo Giovanni Favia, grillino della prima ora, che ha denunciato la mancanza di democrazia interna. Per tacitare le polemiche su questo punto il comico annuncia il varo di una piattaforma via web, grazie alla quale gli attivisti potranno scegliere i candidati.

Fonte: http://www.ladige.it/articoli/2012/09/23/ritorno-lira-grillo-propone-referendum